Mail pericolosa? 5 regole per capirlo

Quando si ha a che fare con una mail sospettacosa fare? Bisogna prestare la massima attenzione ad ogni messaggio di posta elettronica ricevuto. Tenere sempre gli occhi ben aperti non mette al riparo da possibili fregature, ma di certo può essere di aiuto. Ecco 5 regole per capire se una mail è pericolosa.

1. State attenti agli indirizzi email che non conoscete. Se vi arriva un messaggio proveniente da un indirizzo email col quale non avete mai avuto a che fare, dovete stare molto attenti. Potrebbe nascondersi uno scopo non proprio vantaggioso per il vostro computer, che di certo non ha bisogno di potenziali minacce.

2. Controllate l’indirizzo email. Prima di tutto, verificate il mittente ed accertatevi che il suo indirizzo email faccia parte di un dominio di posta elettronica normale, che sia LiveGmail o qualcun altro simile. Ad esempio, un dominio come @paypal è da considerare come una vera e propria bufala, in grado di nascondere virus molto pericolosi. Bisogna quindi riconoscere mail false.

3. Tenere d’occhio i link ai quali si chiede di fare clic. Nella maggior parte dei casi, un’email contiene almeno un invito a fare clic su un link. Non cliccate assolutamente. Andate sullo stesso senza fare clic e verificatene l’indirizzo, che sarà molto diverso da quello relativo al messaggio.

4. Verificate il contenuto. Se un’email viene scritta in maniera poco corretta dal punto di vista grammaticale, può nascondere diverse insidie. La sintassi di pessimo livello è generalmente dovuta ad una traduzione realizzata in automatico da virus via mail che possono intaccare il sistema e metterlo in profonda crisi.

5. Controllate se appare tra le email di spam. Se una mail appare nella sezione relativa allo Spam, può capitarci per sbaglio o in modo giusto. Nella maggior parte delle circostanze, se un messaggio viene scartato è perché non contiene nulla di buono. È preferibile non azzardarsi neanche ad aprirlo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *